Decreto Crescita: torna il superammortamento

Una buona notizia ogni tanto: torna il superammortamento. Il Decreto Crescita, pubblicato in Gazzetta il 30 aprile, contiene una serie di norme finalizzate al rilancio economico del Paese , tra cui appunto la riproposizione del superammortamento e la Mini Ires.

Superammortamento

Il beneficio  vale per gli investimenti in beni strumentali nuovi effettuati dal 1° aprile al 31 dicembre 2019. Viene confermata la maggiorazione del 30% del valore ai fini della deduzione delle quote di ammortamento e dei canoni di leasing. Per la data conta il “momento di effettuazione”, quindi la data di consegna o di spedizione, oppure la data in cui si verifica l’atto di vendita. Restano fuori, mi sento di dire vergognosamente, gli investimenti effettuati dal 1° gennaio al 31 marzo 2019. Quei poveri disgraziati che hanno fatto grosse spese nei primi 3 mesi del 2019 saranno davvero contenti…

Sono esclusi dal beneficio gli investimenti in autovetture (ok invece gli automezzi strumentali) e fabbricati.

Mini Ires

Con un meccanismo un po’ complicato si cerca di premiare gli utili realizzati a decorrere dal 2018 non distribuiti (quindi accantonati a riserva) riducendone il peso fiscale dal 24% (attuale aliquota IRES) al 22,5% nel 2019, 21,5% nel 2020, 20,5% nel 2021 fino al 20% nel 2022.

 

Segnalo infine l’introduzione della fatturazione elettronica obbligatoria per le operazioni effettuate con la Repubblica di San Marino.

Domenica, 05 Maggio 2019 11:05

Utilizziamo i cookie per rendere migliore la tua esperienza sul nostro sito.